Appello per i diritti dei richiedenti asilo

Con #dirittincomune ActionAid, ASGI e i Sindaci di Crema, Siracusa e Palermo, e con l’adesione del CIPSI, chiedono un impegno ai comuni: “A rischio diritti fondamentali”

ActionAid, Asgi e i sindaci di Crema, Siracusa e Palermo promuovono l’appello #dirittincomune, indirizzato a tutti i Sindaci d’Italia affinché sottoscrivano un impegno a iscrivere nei registri anagrafici i richiedenti asilo, anche dopo l’entrata in vigore del cd decreto sicurezza e immigrazione (legge 132/18), e alle organizzazioni solidali con i cittadini stranieri.

L’articolo 13 della legge ha introdotto, com’è noto, nuove disposizioni per l’iscrizione anagrafica che sono state oggetto di diverse interpretazioni, anche tra gli amministratori: alla prima lettura è prevalsa l’idea che ai richiedenti asilo fosse preclusa la possibilità di conseguire l’iscrizione all’anagrafe. I promotori dell’appello, invece, basandosi suipareri di giuristi autorevoli e sulle recenti ordinanze dei Tribunali di Firenze, Bologna e Genova, secondo i quali il diritto all’iscrizione anagrafica per i richiedenti asilo è tuttora vigente ed esigibile, chiedono ai Sindaci di impegnarsi perché questo diritto sia effettivamente garantito, rendendo così possibile ottenere il conseguimento della residenza e il rilascio della carta d’identità, nei fatti molto spesso indispensabili per accedere ai servizi pubblici e privati inerenti, a titolo di esempio, all’istruzione, alla formazione professionale, al diritto all’abitare, all’assistenza sociale.

Sono in gioco diritti essenziali, che nei fatti spesso sono inaccessibili o compromessi in assenza di iscrizione anagrafica”, si legge nel testo dell’appello, che non si rivolge solo agli amministratori, ma anche alle organizzazioni solidali perché si facciano portavoce “in ogni sede utile, della lettura costituzionalmente orientata dall’articolo 13 e a promuovere la corretta applicazione della normativa”.

Per queste motivazioni, si chiede l’adesione all’appello e la sua diffusione capillare a tutte le amministrazioni comunali e alle organizzazioni della società civile impegnate sul tema della tutela dei diritti di cittadinanza: il rispetto dei diritti costituzionali è un bene comune irrinunciabile ed è tempo di rendere effettivamente vigente su tutto il territorio nazionale il diritto all’iscrizione anagrafica per i cittadini stranieri richiedenti asilo.

Per adesionidirittincomune.ita@actionaid.org

Il CIPSI ha sottoscritto l’appello.

Link all’Appello, comunicati stampa e FAQhttps://www.actionaid.it/informati/notizie/appello-diritti-dei-richiedenti-asilo

Per l’immagine si rigrazia Luigi Narici/ActionAid.

Cipsi Onlus

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa oltre 40 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.