Servizio Civile in Costa D’Avorio: responsabilità verso sè stessi e gli altri

Oggi vi presentiamo, attraverso l’articolo di una volontaria SCU, uno degli assi del progetto in Costa D’Avorio portato avanti dal CeVi: l’alfabetizzazione dei minori più svantaggiati di Daloa. I volontari, che poche settimane dopo il loro arrivo sono stati costretti a tornare in Italia, da circa un mese hanno ripreso il loro progetto di servizio civile, rimodulato e in smart working.

A cura di Elena Lauriola
(volontaria SCU in Costa D’Avorio con il CeVi)

In Costa d’Avorio il sistema scolastico e l’educazione in generale stanno acquistando sempre più rilevanza agli occhi del governo. L’aumento dell’indice di sviluppo umano è stato inserito tra gli obiettivi specifici del piano nazionale di sviluppo e il Governo si impegna a migliorare la qualità del sistema educativo-formativo del Paese, rendendolo accessibile a tutti e adeguato ai bisogni del mercato del lavoro. Tuttavia, osservando da vicino il contesto sociale ivoriano, emergono delle contraddizioni, tanto da chidersi se il sistema scolastico contribuisca veramente ad uno sviluppo sostenibile ed equo e, in particolare, se sia in grado di fornire una formazione armonica e integrale a tutti i minori.

In materia di educazione e di formazione i progressi sono lenti nella realizzazione di un’istruzione primaria e secondaria universale oppure risultano incompiuti nella parità di genere e nell’alfabetizzazione. La gran parte dei giovani che escono da scuola non hanno accesso al mercato del lavoro. In Costa d’Avorio l’accesso scolastico non è ancora garantito in modo equo a tutti: non hai le stesse possibilità di andare a scuola se sei una bambina o un bambino (45,1% di iscritte contro 58,5% di iscritti), se fai parte delle fasce meno abbienti o di quelle più abbienti (61,9% contro 93,6%), né se vivi nelle regioni del Nord (57,2%) rispetto a quelle del Centro (82,2%) e del Sud (82,8%), o in una zona rurale (70,9%) rispetto a un centro urbano (85,3%). L’analfabetismo resta un problema per il Paese, al tal punto che il ministro dell’Educazione nazionale dell’Insegnamento tecnico e della Formazione professionale, Kandia Camara, ha annunciato di volerne fare una causa nazionale, promuovendo quindi l’alfabetizzazione come obiettivo principale del Piano Nazionale per l’Educazione 2019-2024.

Con queste premesse, si può affermare, come riconosciuto dallo stesso Governo ivoriano, che il sistema scolastico non garantisce ancora l’accesso all’educazione di base e l’acquisizione dell’insieme di competenze primarie e non alla totalità della popolazione. Ciò limita inevitabilmente la formazione di una generazione in grado di rispondere in modo adeguato alle sfide del mercato globale e rende molto poco probabile la realizzazione di quegli obiettivi di sviluppo che il Governo si era posto del 2015.

In risposta il CeVI ha deciso di impegnarsi in prima linea, portando avanti diversi progetti in ambito di educazione, scolarizzazione e alfabetizzazione, offrendo inoltre corsi di formazione e professionalizzazione per  le donne e i giovani ivoriani, in vista di un loro inserimento nel mercato del lavoro. In particolare, grazie al progetto Tous à l’école!, nello scorso anno scolastico sono stati inseriti nelle scuole della città di Daloa circa una sessantina di minori, di cui 14 bambine e bambini hanno terminato le alfabetizzazioni “passarella”, corsi con lo scopo di far recuperare gli anni scolastici perduti, e sono iscritti nella prima classe di ciclo medio. 

In parallelo il CeVI sta collaborando con il CVCS in vista di un progetto per i minori detenuti della Maison d’Arrete de Daloa, con lo scopo di migliorarne le condizioni di vita e garantire loro un’educazione e una formazione armonica e integrale. Attraverso la proposta di attività di alfabetizzazione, sostegno scolastico e di formazione professionale, oltre ai servizi psicologici di ascolto e assistenza, si darà ai minori una volta usciti dalla Maison una possibilità concreta di reintrodursi nel tessuto sociale, permettendo loro un reinserimento scolastico e un inserimento nel mondo del lavoro.

La scolarizzazione universale e un’istruzione di qualità equa e inclusiva, restano le fondamenta per una crescita equa e sostenibile, le uniche vere risorse di cui la società dispone per ridurre le disuguaglianze e garantire un mondo più equo e giusto per tutti. 

Cipsi Onlus

Solidarietà e Cooperazione CIPSI è un coordinamento nazionale, nato nel 1985, che associa oltre 40 organizzazioni non governative di sviluppo (ONGs) ed associazioni che operano nel settore della solidarietà e della cooperazione internazionale. Solidarietà e Cooperazione CIPSI è nato con la finalità di coordinare e promuovere, in totale indipendenza da qualsiasi schieramento politico e confessionale, Campagne nazionali di sensibilizzazione, iniziative di solidarietà e progetti basati su un approccio di partenariato. opera come strumento di coordinamento politico culturale e progettuale, con l’obiettivo di promuovere una nuova cultura della solidarietà.